27/08/15

Attrito e Neuroni

L’intelligenza è un optional, come ai suoi tempi lo era l’aria condizionata nelle auto.
Ho un cognato, se avete letto il profilo della mia insopportabile famiglia lo avrete già scoperto.
Io lo chiamo Gaston, come l’antagonista de La Bella e la Bestia, proprio perché somiglia parecchio a quel bellimbusto pieno di sé e convinto che il mondo gli ruoti intorno.



Gaston lavora in una concessionaria, occupazione che gli va a genio dal momento che rintrona la gente a suon di chiacchiere.
Nel tempo libero bacia la terra dove cammina mia sorella, che ho battezzato Vanessa come la cattiva de La Sirenetta (Ursula dopo il chirurgo estetico, per intenderci).

Gaston ha studiato al liceo, ha frequentato lo Scientifico (e lo dice pure scandendo la i come fanno tutti gli emiliani, cosa che detesto parecchio io che sono toscana e mi piace vantarmi del fatto che l’italiano l’abbiamo inventato noi fiorentini).
Questo lo porta a credere che la sua mentalità scientifica sia esatta.
Qualche giorno prima di raggiungere Londra, durante una discussione a pranzo a casa di mia sorella, mi lamento perché i treni delle FS fanno quasi sempre ritardo (a volte persino le Frecce, cosa accada per esempio alle stazioni di Bologna o Roma Termini è un mistero).
Dico qualcosa del tipo non è possibile che un treno parta già da stazione Centrale con trenta minuti di ritardo, maremma.

Dimentica del fatto che Gaston sedeva a tavola con me, mi sento rispondere ma sai, dipende dall’attrito delle rotaie.
Lo guardo allibita replicando:
-Quale attrito, quello che si accumula stando fermi?-
Sicchè lui attacca con uno dei suoi discorsi sul moto rettilineo, accelerazione e attrito.
Deus in cathèdra, dico io.
Così lo pianto con l’attrito, il caffè finito e Vanessa che strilla perché non trova le sue scarpe col tacco rosa (quali? Ne avrà sì e no cinquanta paia rosa col tacco!).


Chissà se i neuroni di Gaston sono ancora impantanati con il problema dell’attrito.
E il pensiero che mi assilla è sempre lo stesso: ma perchè Darwin non ha mai classificato i grulli?
Doveva inserire pure loro nell'evoluzione.

2 commenti:

  1. Come promesso sono passata e mi sono unita ai tuoi lettori.
    ahuahuahuah di morte!!! dire che il ritardo è dovuto all'attrito pur di giustificare le ferrovie gli da il diritto ad un posto fisso in azienda :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Audrey, grazie per esserti iscritta!
      Guarda io e le ferrovie ormai abbiamo un conto aperto, spero che anche tu non sia una pendolare perchè è davvero un mondo grigio!
      E Gaston... va beh, lasciamolo al suo attrito!

      Elimina