12/09/15

La mistica dell'Ikea


È ora che vi presenti due membri non ufficiali (nel senso che ci siamo scelti senza essere uniti da legami di sangue) ma essenziali della mia famiglia.
Sono Robin Hood e Little John, i nostri vicini di casa nonché amici storici da quando io e Anna ci siamo trasferite a Londra.
A dividerci c’è solo una striscia di prato (che Little John cura sempre con grande amore) che viene allegramente superata senza problemi, soprattutto quando Saetta e Annabelle (per chi non se lo ricorda, sono i coniglietti coprotagonisti del cartone Disney, rispettivamente di quattro e sette anni, vogliono mangiare i biscotti di zia Anna.

Detto questo, ieri siamo andati al numero 6 di Glover Drive in quel posto chiamato Ikea per comprare il necessaire per la cameretta di Lilo (ho deciso di dare alla nostra bimba lo stesso nome della protagonista di “Lilo e Stitch”. È un bel nickname da blog, non credete?), perché per una bimba di tre anni un lettino non basta mica!



Sicchè oggi e domani dovremo montare i mobili.
E qui comincia la tragedia, per dirla come avrebbe detto il sommo Poeta “lasciate ogni speranza voi ch’entrate in codesta stanzetta”.
Qualcuno di voi ha mai montato mobili Ikea?

Giuro, è un incubo assoluto!
Tu monti, sistemi tutto e alla fine restano le viti!
E mica quelle che sono in più (così, nel caso ne spani una)… no, sono un altro plus.
Però il mobile sta in piedi.
Sicché, come dice Robin Hood: facciamo sparire le viti, tanto non ci vede nessuno.

Fateci gli auguri per il weekend, io vi lascio in compagnia di un comico toscano come me che mi fa sempre ridere e che è rimasto traumatizzato pure lui dall’Ikea.

9 commenti:

  1. ciao
    su questo delle viti hai ragione......una volta mio marito ha sistemato una libreria presa all' Ikea e alla fine sono avanzate delle viti....boh forse erano in più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finchè sta in piedi non chiedere...

      Elimina
  2. Ciao grazie per essere passata nel mio blog :-) non amo montare i mobili , sono negata!!! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io devo farlo per forza, altrimenti chiamerei una bella squadra!
      A presto!

      Elimina
  3. ahuahuahua ha ragione il vicino, se sono avanzate meglio farle sparire!
    Concordo, Lilo è un bel nome...immagino la vostra emozione, sarà alle stelle ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops, mi sa che ho mal spiegato.
      La piccola ha un altro nome, ma qui sul blog la chiamo con un nickname, è per la sua sicurezza.
      Grazie del commento sulle viti!

      Elimina
    2. Mi sono espressa male io avrei dovuto scrive nickname invece di nome. Intendevo che è un bel nome di fantasia da usare qui, in questo spazio virtuale, sorry sono stata incompleta nel commentare ;)

      Elimina
  4. Quindi siete pure zieeeeee! Io sono solo zia ma lo adoro. Mi piace un sacco viziare i miei pupi e guai a chi mi ostacola ahahah un abbraccio ai due genitori e papà meravigliosi:)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariella, porterò i tuoi abbracci a tutti!
      Un abbraccio grande anche ai tuoi nipoti :-)

      Elimina